ortega murales

Museo “Casa Ortega” – Bosco

prosieguo pomeridiano salerno
Il pittore spagnolo Josè Garcia Ortega ha trascorso tanti anni della sua vita a Bosco, ritrovandovi in parte i luoghi della sua gente e della sua Mancha. La storia del borgo cilentano si intreccia al vissuto del Pintor che ha combattuto la dittatura di Franco dall’età di quindici anni, pagando con il carcere e l’esilio; da Bosco partirono i primi moti libertari del Cilento repressi col sangue (a ricordare l’accaduto è un murales maiolicato realizzato da Ortega, sito all’ingresso del paese). La Casa Museo a lui intitolata si sviluppa su più piani. Al piano terra vi sono i Segadores, un ciclo di venti dipinti a comporre un racconto pittorico della condizione sociale ed economica dei “segadores”, ossia i mietitori spagnoli negli anni’30; nei due piani successivi sono esposti i pannelli in cartapesta dei cicli Passarono e Morte e nascita degli innocenti realizzati a Matera nel 1973: le opere raccontano la drammaticità di una guerra civile che, nonostante l’incessante susseguirsi del rosso intenso del sangue, lasciano comunque uno spiraglio di speranza verso un futuro migliore; all’ultimo piano trovano spazio le opere della “missione sociale” dell’artista note come Decalogo della democrazia: dieci litografie che invitano al perseguimento continuo della propria libertà di pensiero ed azione.

 

abbinabili agli itinerari:

CERTOSA DI PADULA E VELIA