monte tresino

Monte Tresino, dove Madre Natura ha dato il meglio di sé!

Alle porte del Cilento, tra i comuni di Agropoli e Castellabate, si trova uno dei promontori più suggestivi e in parte misterioso di tutto il Parco Nazionale del Cilento: il Monte del Tresino.

Villaggio abbandonato

Monte tresino - parco nazionale del cilento

Monte tresino – parco nazionale del cilento

Con le sue numerose case coloniche, dove risiedevano fino agli anni 60 gli agricoltori e i pastori che coltivavano i terreni del principe  granito di Belmonte, le sue due torri moresche (ormai ruderi), costruite per arginare l’invasione dei saraceni, situate alle estremità del monte, ossia punta Tresino e punta Pagliarola, e il suo nucleo abitativo, con al centro la chiesa di  San Giovanni (chiamata dai residenti villaggio Abbandonato) costruito da Ligorio di Atrani nel 957.

 

 

 

 


La tranquillità scandita dall’andamento delle stagioni

Monte tresino - parco nazionale del cilento

Monte tresino – parco nazionale del cilento

Qui il turista si ritrova immerso in un posto magico dove, in pochissimo tempo, passa dalla civiltà moderna dei due comuni limitrofi, alla tranquillità assoluta, rivivendo in parte, l’atmosfera di una volta, fatta di lavoro scandito dall’andamento delle stagioni, dove ogni attimo di vita veniva vissuto con l’intera comunità.

 

 

 

 


Monte tresino - parco nazionale del cilento

Monte tresino – parco nazionale del cilento

Un Panorama che si specchia nel Mare

Dall’alto dei suo 356 mt s.l.m. è possibile ammirare Castellabate, il cui patrono san Costabile nacque proprio sul Tresino, e  Agropoli, mentre, nelle giornate limpide lo sguardo si amplia su l’intera costiera Amalfitana, comprese le isole di Capri, Ischia e in parte Procida.

 

 

 

 


Sentieristica anche per i meno esperti 

Numerosi sono i sentieri presenti, dove si possono svolgere escursioni adatte anche al “turista domenicale” che prevedono soste per tuffarsi nelle acque cristalline di Pastena oppure del Vallone. Mentre i percorsi per i più esperti, classificati E ( escursionistici), arrivano a toccare la vetta, le case coloniche, il villaggio san Giovanni nonché le numerose sorgenti presenti tra le quali spiccano quelle di San Giovanni e dell’Acquavona, quest’ultima riscoperta da poco per un totale di circa 33 km, tutti registrati al catasto dei sentieri del Cai e percorribili a piedi, in mtb e a cavallo.


Sentiero dei Trezeni: si sviluppa interamente lungo la costa, collega baia dei Trentova di Agropoli con zona lago di Castellabate;

Sentiero dei ponti di Pietra: da Agropoli (loc. Pastena) arriva a loc. San Pietro di Castellabate;

Sentiero delle Conche: si sviluppa interamente in cresta incrociando in due punti (partenza e arrivo) il sentiero dei Ponti di Pietra.

 

Articolo Monte Tresino, dove Madre Natura ha dato il meglio di sé! a cura della guida escursionistica AIGAE Danilo Palmieri

 

 

Divérteducando Viaggi propone tour di una giornata alla scoperta del Parco Nazionale del Cilento per studenti e per individuali e famiglie weekend lunghi per individuali e famiglie