VC04Vacanza di gruppo Santuari Mariani in Campania | da Pompei a Montevergine

Piazza Bartolo Longo, 1, 80045 Pompei NA, Italia (0)
a persona  0.00
  • visite guidate
  • Campania
  • Pranzo tipico
  • Tour panoramici
  • Vacanze di Gruppo

Descrizione

Vacanza di gruppo Santuari Mariani in Campania: da Pompei a Montevergine

Arrivo del Gruppo a Pompei, in mattinata.

Santa Messa nel Santuario dedicato alla Beata Vergine Maria del Santo Rosario, fulcro ineguagliabile della religiosità mariana popolare dell’intero Sud d’Italia.

La città di Pompei, posta alle pendici del Vesuvio, non è famosa soltanto per gli Scavi Archeologici, ma anche per il suo Santuario, elevato a Basilica pontificia nel 1901 da Papa Leone XIII, che richiama annualmente oltre 4 milioni di pellegrini da ogni parte del mondo.

Varcando l’ingresso del tempio mariano, si è pervasi da un senso di profonda gratitudine verso chi ha saputo donare agli interni un codesto splendore. Costruito in tempi diversi l’impianto originario, a croce latina, era a navata unica. L’ampliamento a tre navate si rese necessario per accogliere un numero sempre maggiore di fedeli.

Ammirazione del Museo interno posto al piano interrato. La collezione museale, completamente rinnovata in occasione del Giubileo del 2000, espone prevalentemente gli ex voto: argenti, ori, arredi liturgici, arazzi, vetri, avori, coralli, ceramiche oltre a bellissimi Presepi napoletani di notevole prestigio.

La devozione alla “Madonna del Rosario” ebbe qui gli umili inizi il 13 novembre 1875, quando l’immagine della Vergine fece il suo ingresso, su di un carro di letame, in un villaggio di appena 300 anime che, in un secolo, si trasformerà in una città di 30.000 persone. Protagonista indiscusso dell’ascesa è stato Bartolo Longo, dalla cui santa vita la storia del Santuario di Pompei trae le sue origini e il suo sviluppo.  I continui prodigi operati dalla Vergine del Rosario, alla cui intercessione ricorrono sin dagli albori tanti fedeli, hanno fatto sì che il dipinto seicentesco, attribuito alla scuola di Luca Giordano, raffigurante la Madonna con Bambino in atto di porgere corone di Rosario ai Santi Domenico e Caterina inginocchiati ai suoi piedi, divenisse l’immagine per eccellenza della “Madonna del Rosario” diffusa in tutto il mondo.

In modo particolarmente solenne vi si celebrano le feste dell’8 Maggio e della prima Domenica di Ottobre (mese del Rosario), quando si recita la “Supplica”, la pia pratica che si ripete contemporaneamente in tutte le Chiese del mondo dove è esposta copia della venerata immagine della B. V. del Rosario di Pompei.

Inizio dei servizi: Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio proseguimento per Salerno, incontro con la guida (se prenotata) e visita della città e del Lungomare.

Celebre nel Medioevo per la gloriosa Scuola Medica, città amena per la sua posizione geografica, si visiterà il centro storico, dominato dal Duomo dedicato al Patrono San Matteo, e il bellissimo Lungomare ritenuta una delle più belle passeggiate d’Italia per la rigogliosa vegetazione e per il panorama che si gode sul Golfo di Salerno, con i monti della Divina Costa d’Amalfi sullo sfondo.

Sistemazione della comitiva presso l’hotel prescelto, cena e pernottamento.

2° giorno

Dopo la prima colazione incontro con la guida (se prenotata) e partenza per Novi Velia, cittadina incastonata nel cuore del Cilento, alle spalle di Vallo della Lucania.

Si raggiungerà la vetta del Monte Gelbison, dove si trova il più alto Santuario d’Italia (1705 mt s.l.m.), dedicato alla Vergine Maria.

Santa Messa. Il Santuario mariano, e in particolare l’edificio che ospita il monastero, stupisce per la sua mole e per la collocazione, proprio nel punto più alto del Gelbison chiamato dai cilentani “Monte Sacro”. Dal piazzale la vista abbraccia quasi tutto il Cilento, con i Monti Alburni da un lato e il blu del Tirreno col promontorio di Palinuro dall’altro. Più lontano, verso sud, il massiccio del Pollino. Oltre il profilo della Costiera Amalfitana si scorgono le sagome di Ischia e Capri.

Sulle sue origini, che risalgono al 1323, la leggenda narra che ogni qualvolta i lavori del tempio si interrompevano, alla ripresa si trovavano distrutte le opere prima costruite. Finché una notte, agli operai, che erano saliti sul monte per cercare un agnello smarrito, la Vergine a loro apparsa disse che desiderava che la cappella fosse dedicata agli Angeli. Da allora i pellegrini, ogni anno, arrivano da ogni dove per recarsi in processione al santuario, portando un Gesù Bambino di cera.

Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio il tour prosegue alla scoperta delle stupende bellezze naturali e paesaggistiche di Agropoli, affascinante cittadina definita la “Porta del Cilento”, il cui centro antico sorge su un promontorio a strapiombo sul mare.

Se interessati i partecipanti potranno visitare una rinomata azienda vitivinicola della zona e degustare vini DOC e prodotti tipici cilentani.

Fondata dai Bizantini nel VI secolo con il toponimo Acropolis, “città posta in alto”, l’accesso al borgo antico di Agropoli avviene attraversando la caratteristica “salita degli scaloni”, sormontata dal seicentesco portale merlato. Oltrepassata l’antica porta si approda su piazza Madonna di Costantinopoli per ammirare l’omonima Chiesa e godere di un’ampia veduta panoramica. Andando avanti appare allo sguardo dei visitatori un trionfo di vicoli, casette ricavate nella roccia, scalinatelle scoscese su cui domina il Castello. Il nucleo iniziale è dovuto ai Bizantini; l’aspetto odierno è quello delle ristrutturazioni angioine e aragonesi. Dopo la sosta ritemprante e contemplativa si rientra nella zona moderna, a Corso Garibaldi, su cui si prospettano negozi di souvenir, attività di ristorazione e ottime gelaterie.

Rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno

Dopo la prima colazione, incontro con la guida (se prenotata) e partenza per gli Scavi Archeologici di Paestum.

Riconosciuta, nel 1988, tra i patrimoni mondiali dell’UNESCO, l’Area Archeologica di Paestum, protetta dalle sue belle mura, con i suoi 110 ettari è uno dei parchi archeologici più grandi d’Europa.

Vero e proprio colpo d’occhio sono i tre templi che si impongono maestosamente lungo l’area del parco: Hera I, la cosiddetta basilica; l’Athenaion, detto anche Cerere; Hera II, meglio conosciuto come Nettuno.

L’itinerario viene completato con la visita dell’attiguo Museo Archeologico, che attesta l’evoluzione storica della città sulla base dei vari ritrovamenti scoperti a partire dalle primissime campagne di scavo. Nelle sue esposizioni spiccano, per importanza, la stele in lingua osca, le metope arcaiche dell’Heraion di Foce Sele e la “Tomba del Tuffatore”.

Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio si proseguirà per Capaccio Capoluogo alla scoperta del Santuario della Madonna del Granato.

Le prime tracce della chiesa si hanno nel X secolo d.C. quando i Saraceni distrussero Capaccio e il Vescovo di Paestum pose la sua nuova sede episcopale ricostruendovi la cattedrale. In una bolla papale del 967 la chiesa viene indicata come “Santa Maria”, altre come “Santa Maria Maggiore sul Calpazio”. Nel 1992, con decreto vescovile, viene dichiarata “Santuario Mariano Diocesano”. La Madonna del Granato viene celebrata il 15 di Agosto fra riti e tradizioni secolari fatti di fede e devozione. La Chiesa, suddivisa in tre singolari navate in pendenza, terminanti in altrettante absidi, ospita al suo interno un pregevole pulpito marmoreo policromo risalente presumibilmente al XV sec., notevole anche l’ampio finestrone dell’abside maggiore (XIII sec.) ed un’urna di marmo in cui furono poste le reliquie di San Matteo apostolo nel 954, ora conservate nel duomo di Salerno.

Nella simbologia cristiana il melograno rappresenta l’unità, nella fede, fra popoli e culture diverse, la fecondità e l’abbondanza. Nella simbologia ebraica la melagrana simboleggia l’onestà e la rettitudine, in quanto contenente un numero di semi uguale o molto vicino a 613, il numero di prescrizioni contenute nella Torah.

Rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° giorno

Caseificio Paestum e Santuario di Montevergine – Mercogliano

Dopo la prima colazione incontro con la guida (se prenotata) e partenza per località Borgo Nuovo -Paestum – per visitare l’azienda agricola Caseificio Tempio, moderno stabilimento di produzione della Mozzarella di Bufala Campana DOP. Nel corso della visita, guidata dagli esperti aziendali, sarà possibile osservare da vicino le bufale e comprendere come questi docili animali si sono perfettamente integrati nelle stalle moderne. Inoltre (entro le ore 9.00), si può accedere nel reparto produzione dove il latte “magicamente” viene trasformato in mozzarella e in altre “bianche prelibatezze”. Il percorso si conclude con un assaggio di prodotti.

Al termine proseguimento per il Santuario di Montevergine – Mercogliano.

Fondato nei primi decenni del sec. XII, dal giovane pellegrino Guglielmo di Vercelli, si presenta in stile romanico a tre navate. In fondo alla navata centrale, sotto il tiburio, si apre l’ampio presbiterio, fiancheggiato in alto da due matronei e dal nuovo maestoso organo. Addossato alla parete di fondo, s’innalza il Trono dove è stata traslata l’Immagine della Madonna, una bellissima pittura su due tavoloni di pino della fine del sec. XIII. Si discute ancora dell’autore dell’opera. Il Trono si compone di marmi pregiati policromi, antichi e moderni, e di statue e bassorilievi di bronzo su uno sfondo di mosaico monocromo.

L’Antica Basilica. Attraverso due passaggi, a destra e a sinistra, in fondo alle navate laterali della nuova Chiesa, si accede all’Antica Basilica, artisticamente e storicamente molto interessante, che s’è voluta conservare intatta, con la sola perdita della navata sinistra. L’architettura è della prima metà del sec. XVII, dopo che l’antica Chiesa era crollata nel 1629.

Fine dei servizi

Ogni giorno: degustazioni, cene a tema, scoperta di luoghi e personaggi affascinanti, per compenetrarsi nella cultura contadina ed artigianale dei luoghi, e condividerne le passioni.

Sistemazione in agriturismo oppure in hotel 3 / 4 stelle.

Prezzo

Per informazioni: tel. 089 3061186 – cell. 3403858749 – e-mail: info@dipark.it

A Richiesta

È possibile personalizzare e/o combinare i percorsi di visita secondo le esigenze del gruppo.

Contatti cell. 3403858749 – info@dipark.it

LE QUOTE INCLUDONO

Assistenza da parte di un ns incaricato in arrivo a Pompei, per la consegna dei documenti di viaggio e del materiale informativo destinato al capogruppo.

Drink di benvenuto in hotel.

N.3 mezze pensioni dalla cena del 1° giorno alla prima colazione del 4° giorno con sistemazione in hotels della categoria prescelta in camere base doppia con servizi privati.

N.1 pranzo in ristorante a Salerno il 2° giorno.

N.1 pranzo in ristorante zona Vallo della Lucania il 2° giorno.

N.1 pranzo in ristorante zona Paestum con menù speciale il 3° giorno.

Bevande incluse a tutti i pasti nella misura di ¼ vino + ½ minerale a persona.

Degustazione prodotti tipici presso l’azienda indicata nel programma.

Una gratuità ogni 25 persone.

Servizi supplementari

Servizi guida turistica.

Ingressi vari previsti dal programma. Bibite.

Visita con degustazione azienda vitivinicola 2° giorno.

Serata danzante in locale convenzionato o in hotel.

Sistemazione in camera singola.

Soggiorni nei week-end e nei periodi dei ponti festivi.



Recensioni

Commenta
0 Recensioni
  • Position
  • Tourist guide
  • Price
  • Quality

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi