VC07Vacanza di gruppo MINI TOUR IL CILENTO E L’ACQUA | MARE, FIUMI, CASCATE

oasi wwf morigerati (0)
a persona  195.00
  • viaggi di gruppo
  • Pranzo tipico
  • Tour naturalistici
  • Tour panoramici
  • Vacanze di Gruppo
  • Viaggi di gruppo

Descrizione

Vacanza di gruppo Mini Tour il Cilento e l’Acqua: Mare Fiumi Cascate

Vacanza di gruppo di 3 giorni / 2 notti. Dal carsismo di Caselle in Pittari, con eccezionale escursione in zattera, alla navigazione lungo il promontorio di Capo Palinuro, costellato da stupende grotte e baie; dalla visita di Scario e Bosco, dove visse in esilio il pittore spagnolo Ortega, all’Oasi WWF di Morigerati e le cascate “Capelli di Venere” a Casaletto Spartano.

1° giorno – MU.Vi e zattera Caselle in Pittari 

Arrivo del gruppo a Caselle in Pittari, in mattinata e inizio dei servizi.

Il Tour parte con la visita al MU.Vi. Museo Virtuale Interattivo dove, grazie alla moderna tecnologia, è possibile fruire dei meravigliosi ambienti speleologici e rupestri sino ad ora riservati agli specialisti.

Il percorso di visita illustra i fenomeni del carsismo e l’ambiente delle grotte attraverso dispositivi tecnologici interattivi. La punta di diamante è il box immersivo (realizzato all’interno di una stanza costruita “intorno” all’utente) che consente di “navigare” dentro panorami virtuali, attraverso una proiezione interattiva a pavimento in cui è possibile muoversi e interagire. Il museo si inserisce in un contesto naturalistico di grande interesse d è un punto di riferimento importante nell’ambito dei geoparchi internazionali.

A seguire imperdibile gita in zattera per percorrere un tratto del fiume Bussento. Un’esperienza nuova nel panorama escursionistico per lasciarsi traghettare attraverso angoli di meravigliosa bellezza, dove solo il gracchiare delle rane rompe il silenzio del fiume che scorre lento. Poi si risale il vecchio letto prosciugato del fiume fino al lago Sabetta che alimenta una centrale idroelettrica di importanza strategica nazionale.

Sistemazione della comitiva presso l’hotel prescelto, cena e pernottamento.

2° giorno – Il Cilento Costiero in barca / il Cilento interno Bosco e pianoro di Ciolandrea

Dopo la prima colazione, proseguimento alla volta di Palinuro per il tour del Cilento costiero.

Imbarco dal porto di Palinuro (o Scario) da dove inizia la navigazione lungo il promontorio dell’omonimo Capo, fatto di scogliere meravigliose, grotte naturali e baie stupende. Qui, nelle fessure dei rupi verticali, spunta la Primula Palinuri, una tra le 2000 specie di piante autoctone spontanee, simbolo del Parco Nazionale del Cilento. Capo Palinuro custodisce, nelle sue cinque punte, 32 grotte di cui 5 visitabili internamente in barca. La più conosciuta è la Grotta Azzurra, il cui colore brillante è dovuto ad un sifone, profondo circa 20 mt, che permette l’irraggiamento della luce solare all’interno. Estremamente suggestive anche le altre Grotte dai nomi fantasiosi: dei Monaci; del Sangue; d’Argento, Sulfurea. È prevista inoltre la sosta alla Grotta delle Ossa (all’interno sono stati rinvenuti ossa di animali preistorici), e all’Arco Naturale, simbolo internazionale del centro costiero. L’ultima tappa del tour è la spiaggetta del Buon Dormire dove, tempo permettendo, sarà possibile effettuare una sosta bagno e consumare il packed lunch fornito dall’hotel.

Grotta Azzurra: cosiddetta per il colore caratteristico dovuto a fenomeni fisici; l’intensità del colore è massima quando i raggi solari hanno l’inclinazione estiva più propizia (dalle ore 12 alle ore 17). L’apertura è molto ampia, si presenta come una grande caverna, spingendosi verso l’interno l’ambiente appare gradualmente più scuro in contrasto con la luminosità sempre più azzurra delle acque. Ci sono due tunnel, uno a qualche metro e l’altro a una trentina di metri di fondo. I raggi solari riflessi dall’acqua del mare passano per il tunnel e illuminano lo specchio d’acqua di colore azzurro creando uno strabiliante quadro di magia.

Grotta D’argento: prende il nome dalla colorazione argentata che riflette sull’acqua, dovuto dalla miscelazione dell’acqua marina con le sorgenti solfuree che si trovano all’interno.

Grotta del Sangue: così chiamata per la colorazione rosso sangue delle pareti che, riflettendosi sul mare, lo colora di rosso. In questa grotta si trovano varie formazioni calcaree somiglianti a conchiglie e persino ad una testa di un coccodrillo.

Grotta dei Monaci: prende il nome dalle stalagmiti che hanno l’aspetto di frati racchiusi in preghiera. All’interno il turista ne rimane estasiato come se si trovasse in un tempio sacro. Interessante è la presenza di vari organismi vegetali come i pomodori di mare.

Grotta Solfurea: caratterizzata dalla presenza di intensi vapore sulfurei il mare sembra ribollire di colori intensi; detta anche grotta del fuoco dove la pietra si unisce al mare.

Cala del Buon Dormire: denominata così perché i pescatori, a largo della spiaggia, la sera calavano le reti per la pesca delle triglie, dopo si rifugiavano sulla spiaggia per riposare prima di tirare le reti al mattino. Di fronte ad essa troviamo lo Scoglio del Coniglio, così definito per la sua forte somiglianza con il roditore.

Nel primo pomeriggio si rientra a Scario.

Tempo a disposizione per la visita libera del borgo marinaro.

Scario è riuscita a mantenere quasi intatto il suo aspetto originario, quello che ha cominciato ad avere dalla fine del XVIII sec. dopo aver subito numerose invasioni e distruzioni, dai Saraceni ai Turchi. E se il cuore di Scario è il suo porto, l’anima del paese è la Chiesa dell’Immacolata, punto di inizio del piccolo, ma vissuto lungomare che, dalla Chiesa, arriva fino al rione dedicato alla patrona Sant’Anna.

Si prosegue per Bosco, il piccolo centro collinare dove ha trascorso tanti anni della sua vita il pittore spagnolo Josè Garcia Ortega, ritrovandovi in parte i luoghi della sua gente e della sua Mancha. La storia del borgo cilentano si intreccia al vissuto del Pintor che ha combattuto la dittatura di Franco dall’età di quindici anni, pagando con il carcere e l’esilio; da Bosco partirono i primi moti libertari del Cilento repressi col sangue (a ricordare l’accaduto è un murales maiolicato realizzato da Ortega, sito all’ingresso del paese).

L’esposizione intitolata ad Ortega si sviluppa su più piani. Al piano terra vi sono i Segadores, un ciclo di venti dipinti a comporre un racconto pittorico della condizione sociale ed economica dei “segadores”, ossia i mietitori spagnoli negli anni’30; nei due piani successivi sono esposti i pannelli in cartapesta dei cicli Passarono e Morte e nascita degli innocenti realizzati a Matera nel 1973: le opere raccontano la drammaticità di una guerra civile che, nonostante l’incessante susseguirsi del rosso intenso del sangue, lasciano comunque uno spiraglio di speranza verso un futuro migliore; all’ultimo piano trovano spazio le opere della “missione sociale” dell’artista note come Decalogo della democrazia.

Al tramonto si raggiungerà il pianoro di Ciolandrea, sito a San Giovanni a Piro, per godere dell’immaginifico “Panorama sulle 4 regioni” a 500 mt s.l.m..

Rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno – Grotte WWF di Morigerati + Oasi del Capello di Casaletto Spartano

Dopo la prima colazione, partenza per Morigerati.

Prevista la visita alle Grotte del Bussento e all’Oasi WWF di Morigerati, il progetto di conservazione più importante del WWF Italia. Dal centro visite del paese, in compagnia delle guide, si raggiunge la grotta e, immediatamente, si viene catturati dalla bellezza del profondo e spettacolare canyon scavato dal fiume Bussento. Il luogo è reso particolarmente suggestivo dal vecchio mulino ad acqua (a ruota orizzontale interna) e dalla “stazione di muschio” presente nel fondo della gola: vera e propria giungla tropicale, caratterizzata dallo sviluppo di muschi e felciche.

Pranzo in ristorante.

Poco distante dall’oasi di Morigerati, si raggiunge il comune di Casaletto Spartano, zona Capello, per visitare le cascate note come “Capelli di Venere”. Un vero e proprio mondo da fiaba, che ricrea una atmosfera magica tanto da sembrare di essere arrivati nella terra degli elfi e delle fate. Le cascate hanno origine dalle acque del Rio Bussentino, un affluente del Bussento, e prendono il nome dalla rigogliosa pianta Capelvenere, un tipo di felce di colore verde acceso ed aspetto leggero che vive attaccata alla roccia. Colpiscono per un fantastico gioco di luce dovuto all’acqua ed alla vegetazione presente e formano delle pozze naturali dove è possibile anche fare il bagno e godere del refrigerio dell’acqua bella fresca. Nell’area si trovano anche sentieri naturalistici per gli amanti del trekking con pini molto alti, un fitto sottobosco, i resti di un antico ponte normanno in pietra ed un vecchio mulino ad acqua riportato agli antichi splendori che è possibile visitare.

Fine dei servizi

Ogni giorno: scoperta di luoghi e personaggi affascinanti per compenetrarsi nella cultura contadina ed artigianale del territorio e condividerne le passioni.

Sistemazione in agriturismo oppure in hotel 3 / 4 stelle.

Prezzo

Prezzo – per minimo 15 persone –

A partire da € 195,00

A Richiesta

È possibile personalizzare e/o combinare i percorsi di visita secondo le esigenze del gruppo.

Contatti: tel. 089 3061186 – cell. 3403858749 – e-mail: info@dipark.it

LE QUOTE INCLUDONO

Assistenza da parte di un ns incaricato in arrivo a Caselle in Pittari e per l’intera durata del tour.

Drink di benvenuto in hotel.

N.2 mezze pensioni dalla cena del 1° giorno alla prima colazione del 3° giorno con sistemazione in hotels della categoria prescelta in camere base doppia con servizi privati.

Bevande incluse a tutti i pasti nella misura di ¼ vino + ½ minerale a persona.

N.1 packed lunch fornito da hotel il 2° giorno.

N.1 pranzo in ristorante 3° giorno.

Ticket d’ingresso con guida al MU.Vi. di Caselle in Pittari con giro in zattera.

Ticket giro costiero Capo Palinuro.

Visita guidata Museo Casa Ortega Bosco.

Ticket Grotte del Bussento con guida.

Servizi supplementari

Servizi di guida turistica Scario e Capelli di Venere.

Ingressi vari previsti dal programma.

Bibite.

Serata danzante in locale convenzionato o in hotel.

Sistemazione in camera singola.

Soggiorni nei week-end e nei periodi dei ponti festivi.



Recensioni

Commenta
0 Recensioni
  • Position
  • Tourist guide
  • Price
  • Quality

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi