VG03Paestum e i suoi templi dorici

84047 Paestum SA, Italia (0)
a persona  10.00
  • Bus
  • Campania
  • Salerno
  • Viaggi di gruppo

Descrizione

Visita guidata di gruppo: Paestum e i suoi templi dorici

Riconosciuto, nel 1988, tra i patrimoni mondiali dell’UNESCO, il Parco Archeologico di Paestum, protetto dalle sue belle mura, con i suoi 110 ettari è uno dei parchi archeologici più grandi di Europa. Vero e proprio colpo d’occhio sono i tre templi che si impongono maestosamente lungo l’area del parco: Hera, Cerere e Nettuno.

L’itinerario prosegue con la visita al Museo archeologico, che attesta l’evoluzione storica della città sulla base dei vari ritrovamenti scoperti a partire dalle primissime campagne di scavo. Nelle sue esposizioni spiccano, per importanza, la stele in lingua osca, le metope arcaiche dell’Heraion del Sele e la tomba del tuffatore, che simboleggia il passaggio tra la vita e l’aldilà.

PROGRAMMA

Incontro con la guida presso il Parco Archeologico di Paestum ore 9.30

Visita guidata come da programma fino alle ore 13.00.

APPROFONDIMENTI TEMATICI

Fondata dai Greci di Sibari alla fine del VII sec. a. C. con il nome di Poseidonia, fu, in seguito, occupata dai Lucani finché Roma ne fece una colonia fiorente, dandole il nome attuale nel 273 a.C.. Imponenti e suggestivi i templi di Hera, Cerere e Nettuno.

Il tempio di Hera, risalente al 550 a.C., è il più antico ed è conosciuto anche con il nome di “Basilica”, poiché in passato fu scambiato erroneamente per un edificio civile di età ellenistica, a causa della struttura architettonica che è differente rispetto agli altri due templi.

All’inizio del VI secolo si colloca, invece, il tempio di Cerere, costruito in posizione opposta alla Basilica. È il più piccolo dei tre ed è caratterizzato da una forma molto elegante ed armoniosa, dovuta perlopiù alla posizione su una piccola altura, che lo sopraeleva rendendolo più slanciato e sinuoso.

L’espressione più alta dell’architettura religiosa greca si riscontra, però, nel tempio di Nettuno del 450 a.C. circa. È uno dei templi che si è meglio conservato in tutta la Magna Grecia. Ciò che lo caratterizza è l’esatta proporzione delle parti, formate da quattordici colonne sui lati lunghi e sei sulla facciata, elementi peculiari per renderne un perfetto esempio di tempio dorico dell’età classica. Fu la storiografia settecentesca ad attribuire l’edificio al dio del mare, nonché protettore della città, a lui dedicata.

Capolavoro assoluto presente all’interno del Museo Archeologico è la Tomba del Tuffatore. Si tratta di una tomba a cassa, costruita in travertino locale ed affrescata lungo tutti i lati. Essa è composta da cinque lastre, sulle quali sono dipinte scene di un banchetto funebre volte a simboleggiare la prefigurazione della beatitudine eterna, riservata ai giusti dopo la morte; una volta raggiunto l’Ade, essi potevano godere di un convivio eterno e vivere in uno stato di beatitudine e di ebrezza perenne. Sulla lastra di copertura è dipinto il famosissimo tuffatore, su cui gli studiosi hanno versato fiumi di inchiostro. Si tratta di un giovane che, completamente nudo, si tuffa da un trampolino per raggiungere l’oltretomba varcando, così, il sacro confine tra la vita e la morte.

 

Prezzo per visita guidata

€ 15,00 a pax (minimo 5 max 7)

€ 12,00 a pax (da 8 a 15)

€ 10,00 a pax (da 16 a 25)

Quotazione su richiesta per gruppi minori o personalizzazioni: info@dipark.it

LE QUOTE INCLUDONO

  • servizio guida
  • assicurazione

Escluso ticket d’ingresso ove richiesti.

N.B. Possibilità di pranzo oppure pizza c/o ristorante del luogo e proseguimento con altri itinerari guidati o pomeriggio libero (durante il periodo natalizio è possibile abbinare il Tour Luci d’Artista).



Recensioni

Commenta
0 Recensioni
  • Position
  • Tourist guide
  • Price
  • Quality